VIA FRANCIGENA TOSCANA: TAPPA 31 DA GAMBASSI TERME A SAN GIMIGNANO

San Gimignano, Piazza della CisternaPARTENZA: Gambassi Terme, Chiesa Cristo Re

ARRIVO: San Gimignano, Piazza della Cisterna

LUNGHEZZA: 13.4 km

CARATTERISTICHE: Tappa di trasferimento, facile ma non meno suggestiva della precedente per il fascino dei paesi di Toscana.

 

Usciti dal centro di Gambassi, percorriamo per poche centinaia di metri la statale proveniente da Certaldo per poi imboccare uno stradello inizialmente piano. Lo stradello diventa in breve tempo sterrato e scende moderatamente addentrandosi in aperta campagna. Superato il Castello di Riparotta e valicato il Ponte della Madonna, si entra nel territorio di San Gimignano. La salita a questo punto si fa più decisa. Giunti in localita’ Montecarruli, incontriamo i resti dell’omonimo castello e della piccola chiesa di San Pietro risalente al XIII secolo. Proseguendo, giungiamo al paese di Pancole dove sostiamo brevemente per poi risalire all’antico borgo fortificato di Collemuccioli con la sua caratteristica torre, forse unico resto dell’antico castello dei conti Cadolingi distrutto nel 1230 dai Sangimignanesi nell’eterna contesa con il Vescovo di Volterra. Un ultimo panorama mozzafiato ci attende prima dell’arrivo: il meraviglioso complesso della Pieve romanica di Cellole, luogo altamente suggestivo dove le antiche pietre sembrano parlare.

Infine, dopo un breve tratto di discesa, arriviamo sulla SP 69 che ci porta dritti dritti alla nostra meta: San Gimignano. Il punto tappa è la Piazza della Cisterna che prende il nome dal pozzo ottagonale che si trova al suo centro e fu costruita per volontà del Podestà Guccio dei Malavolti che volle scolpito sulla pietra del pozzo il proprio stemma, una scala. La piazza è certamente la più bella di San Gimignano e una delle più suggestive della Toscana incoronata com’è dalle torri delle famiglie più facoltose in perenne competizione fra loro. Il duomo, dedicato a Santa Maria Assunta, è caratterizzato da una facciata romanica del XII secolo che con la sua semplicità lascia al visitatore tutto il tempo per meravigliarsi dei capolavori che si trovano al suo interno, come il Martirio di San Sebastiano di Benozzo Gozzoli e l’incredibile Giudizio Universale di Taddeo di Bartolo. Non si può esimersi dal trascorrere l’intera giornata alla visita di San Gimignano, sicuramente una delle mete obbligate tra i paesi di Toscana. A tal proposito merita una lettura il nostro articolo dedicato alla Manhattan del Medioevo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *